NAPOLI, MAZZARRI: «CERCHEREMO DI INSERIRE AL MEGLIO VARGAS E INSIGNE. SARÀ PANDEV IL SOSTITUTO DI LAVEZZI»


Napoli Mazzarri
RSS
11/07/2012 -

Conferenza stampa per il tecnico del Napoli Walter Mazzarri. Si parla soprattutto di mercato.

Serve un regista in questo nuovo modulo? "E' Inler il nostro organizzatore di gioco, è stato uno degli acquisti più importanti dello scorso anno e deve essere lui a giocare in quel ruolo. Si può sempre migliorare tutto, ma in questo caso abbiamo già il calciatore idoneo".

Cosa ti aspetti da Britos e Fernandez? "Da Britos mi aspetto molto, l'importante è che stia bene. Fernandez è cresciuto tanto, dovrebbe avere più spazio. Può giocare nel ruolo di Campagnaro o in quello di Cannavaro".

Difensore, esterno e centrocampista: sono questi gli obiettivi? "Ci sono delle cose a cui deve rispondere la società. Io ho dato indicazioni precise su due/tre acquisti. Trovare calciatori che sulla carta possano essere migliori dei nostri non è facile, bisogna virare su dei top player. Se questo non sarà possibile si andrà avanti comunque, si continuerà col progetto di crescita. L'importante sarà fare chiarezza".

Quale titolo per questa stagione? "Io ho detto ai ragazzi di dimenticarsi i tre anni passati, di immaginarsi un allenatore nuovo alla loro guida. Se facciamo le stesse cose degli ultimi anni col progetto di crescita che c'è stato possiamo fare ancora meglio. E' chiaro che non siamo i soli a correre, la Serie A in questa stagione è diventata più competitiva".

Felice dell'immediata amichevole contro il Bayern Monaco? "Si, anche se non dobbiamo dimenticarci che si tratta sempre di amichevoli. Sono test mirati alla Supercoppa, appuntamento in cui dobbiamo arrivare più vicini possibili alla forma migliore".

L'Europa League può essere la competizione per far crescere i giovani? "Si, possiamo fare un ragionamento diverso rispetto alla Champions League. Questo non vuol dire che vogliamo sottovalutare questa competizione, noi vogliamo sempre vincere, ma ci possiamo permettere valutazioni diverse rispetto a quelle dello scorso anno".

Secondo lei manca un attaccante di peso? "Da anni le mie squadre giocano senza una prima punta. L'importante è giocare bene e che ci siano le idee. Dal 3-4-2-1 al 3-5-1-1 per gli esterni non cambia nulla, cambia qualcosa per i centrocampisti e per gli attaccanti. Non cambia la logica della squadra, ma alcuni movimenti. Il filo conduttore rimarrà sempre lo stesso".

Cuadrado le piace? "Non do valutazioni su calciatori altrui, a massimo lo faccio in privato con la società".

Sta recuperando Donadel? "Sembra sulla via della guarigione completa, dalla prossima settimana dovrebbe tornare a fare allenamento con la squadra".

Che ruolo avrà Inler? "Da lui mi aspetto, dopo una stagione di adattamento, un miglioramento rispetto alla scorsa stagione. Già verso la fine dello scorso anno è cresciuto. Mi aspetto che faccia ancora uno step in più. Lo stesso discorso vale per Zuniga che già lo scorso anno è cresciuto tantissimo".

Cosa ci dice del progetto di crescita del Napoli? "Il fatto che il Napoli si stia attestando su certo livelli è già un successo. Poi se c'è la possibilità di fare di più ancora meglio, io sono una persona ambiziosa. Non ci accontentiamo mai e non lo faremo nemmeno in questa stagione. Partecipare alla Supercoppa è motivo d'orgoglio, questo ci fa riflettere su quanto di buono fatto begli ultimi anni".

Dichiarazioni di Quagliarella? "Quando sono arrivato quei c'erano dei problemi. Abbiamo fatto rendere al massimo sia lui che Lavezzi. In quell'annata Quagliarella doveva recuperare una forma fisica personale che non gli ha permesso di giocare tutte le partite al massimo. Io l'ho messo sempre al centro del progetto, ma se alla fine era ancora convinto di certe cose è giusto che è stata fatta la scelta che ha poi operato la società. Al suo posto è arrivato Cavani e mi sembra che sia andato bene".

Mercato? "Dovete chiedere alla società, devo pensare a lavorare otto ore al giorno sul campo. Io voglio vincere sempre, è chiaro che tutti vogliono calciatori già pronti. Se questo, però, non è subito possibile è importante che ci sia chiarezza sugli obiettivi".

Insigne e Vargas? "Potenzialmente hanno doti importanti, ma bisogna vedere se sono già maturi per una realtà importante come quella di Napoli. Sono delle incognite, tutti cercheremo di inserirli al meglio. Ho già parlato con Insigne, deve stare tranquillo perché ha le qualità. In Lega Pro e in Serie B s'è fatto le ossa, ora deve fare il passo più importante: affermarsi in una realtà importantissima come quella di Napoli. Deve crescere senza troppe responsabilità".

Chi sostituirà Lavezzi? "Lavezzi è stato un calciatore importantissimo negli ultimi tre anni. E' andato via per una cifra importante, è diventato un campione. Lo scorso anno, però, noi siamo stati molto bravi a inserire Pandev. Ha caratteristiche diverse, ma valori importanti. E' stato efficace quando Lavezzi non giocava. Deve solo stare attento a essere in condizione ottimale perché ha qualità indiscusse. Quest'anno parte titolarissimo insieme a Cavani e Hamsik. Può darci ottime garanzie, ma deve mantenere condizioni ottimali".

Le prime indicazioni del campo? "Rispetto ai primi tre anni voglio far conoscere un nuovo ruolo che non abbiamo fatto. Si tratta del 3-5-1-1, che ha fatto anche la Juve che ha vinto il campionato. Il nostro gioco, col 3-4-3 è ormai consolidato, e il 3-5-1-1 può essere una soluzione in più a gara in corso per essere imprevedibile. Zuniga? Ha sempre giocato a sinistra nell'ultimo anno, noi giochiamo molto sugli esterni e lui ha dimostrato che può creare la giocata non solo andando sul fondo ma anche stringendo verso il centro. E' cresciuto tanto, è arrivato a Napoli dal Siena senza troppa esperienza ed invece ora è un giocatore importante su cui punto ad occhi chiusi. Mi aspetto un miglioramento globale, non dobbiamo fermarci dove siamo arrivati. Non dobbiamo dare nulla di scontato, negli ultimi tre anni abbiamo fatto benissimo ma se ti fermi, in una serie A sempre più difficile, non vai da nessuna parte".

Cosa ti serve per essere subito competitivo? "Negli ultimi tre anni il Napoli è sempre stato competitivo. Quando una squadra è apprezzata dal pubblico e si pone all'attenzione degli altri, riuscendo a fare punti con tutti e questo è un buon risultato.Poi, è chiaro che si può sempre fare di più".

Come può cambiare questo gruppo sul mercato? "Quando un gruppo cresce bisogna fare acquisti mirati. Pochi ma buoni. Ho parlato con Bigon e gli ho espresso le mie idee. Tutti vogliamo vincere, ma questo va coniugato con altre esigenze. L'importante è sempre essere tutti chiari, come si è detto anche nella riunione provata. Va rispettata qualsiasi idea della società".

 

 

 

 

 


 

IlCalcio24 Redazione

Le nostre Esclusive

notizie calcio
Lea Di Leo si confessa: tra sesso, ricatti e calciatori coinvolti
di Luca Bonaccorso, Sabato 20 Aprile 2013
Anastasi: «Juventus nettamente favorita contro il Torino»
di Salvino Cavallaro, Venerdì 19 Aprile 2013
Massimo Caputi: «Ecco la mia top 11»
di Luca Bonaccorso, Lunedì 24 Dicembre 2012
ESCLUSIVA ILCALCIO24 - Juventus, Inter e Campionato visti da Anastasi e Mazzola
di Salvino Cavallaro, Sabato 03 Novembre 2012