LA JUVENTUS È CAMPIONE D`ITALIA PER LA 30ESIMA VOLTA. LA ROMA CADE A CATANIA E I BIANCONERI FANNO FESTA IN ANTICIPO


Terza stella per i bianconeri. Ma per i tifosi siamo a quota 32 scudetti
RSS
04/05/2014 -

La Juventus è campione d’Italia. Senza nemmeno scendere in campo i bianconeri si aggiudicano matematicamente il trentesimo scudetto della loro storia, quello che vuol dire ufficialmente terza stella sulle maglie dalla prossima stagione. La pesante sconfitta della Roma a Catania, sancisce ufficialmente una vittoria ormai scritta. La squadra guidata con sicurezza da Antonio Conte si è dimostrata un vero e proprio schiacciasassi. In testa consecutivamente dalla tredicesima giornata, con il traguardo dei 100 punti a portata di mano, conquista il terzo alloro della gestione Conte in tre anni. Trenta le vittorie su 35 partite giocate, solo 3 pareggi e due sconfitte. Sono numeri che danno la misura del dominio bianconero. La sconfitta in rimonta subita a Firenze si è rivelata una mera illusione. La squadra di Conte ha ricominciato, proprio dopo la sconfitta di Firenze, a macinare gioco e punti. Trascinata da Carlos Tevez, il vero protagonista di questa stagione, ha prima agganciato e poi superato la Roma per non lasciare più la vetta del campionato. E proprio l’argentino è stato quel bomber capace di fare la differenza mancato nelle scorse stagioni. Con tutta probabilità l’Apache supererà le 20 reti realizzate in campionato. L’anno scorso i bomber principi della squadra furono Vidal e Vucinic con 10 reti ciascuno. Altri numeri che sintetizzano quanto determinante sia stato l’apporto dell’argentino. Formidabile la coppia formata con Llorente. Lo spagnolo, arrivato tra tanto scetticismo, ha saputo conquistarsi il suo spazio portando in dote un buon bottino di reti. Adesso è l’idolo dei tifosi che hanno trovato nbel Re Leone un giocatore grintoso e che non si arrende mai, così come è sempre stata questa Juventus. Tra i protagonisti non possono mancare il capitano Gigi Buffon, tornato su livelli Mondiali; Barzagli, Bonucci e Chiellini, trio difensivo grintoso ed elegante alo stesso tempo; e quel centrocampo grandioso formato da Vidal, Pirlo, Pogba, Marchisio e Asamoah, con Lichtsteiner abile a fare la spola tra difesa e mediana. Un collettivo meraviglioso, con solisti capaci di fare la differenza. L’obiettivo per l’anno prossimo adesso diventa l’Europa, soltanto sfiorata quest’anno. Per dimostrare di poter essere grandissimni anche fuori dai confini nazionali. Peccato solo per l'eliminazione subita ad opera del Benfica 3 giorni fa in semifinale di Europa League, perche questa Juve aveva i mezzi per superare il turno e giocarsi, nel proprio stadio, una finale che probabilmente avrebbe regalato il trofeo europeo ai bianconeri. Adesso bisognerà costruire una squadra ancora più forte per fare bene in Champions l'anno prossimo. Complimenti comunque alla SIGNORA!


Ivano Messineo

Le nostre Esclusive

notizie calcio
Lea Di Leo si confessa: tra sesso, ricatti e calciatori coinvolti
di Luca Bonaccorso, Sabato 20 Aprile 2013
Anastasi: «Juventus nettamente favorita contro il Torino»
di Salvino Cavallaro, Venerdì 19 Aprile 2013
Massimo Caputi: «Ecco la mia top 11»
di Luca Bonaccorso, Lunedì 24 Dicembre 2012
ESCLUSIVA ILCALCIO24 - Juventus, Inter e Campionato visti da Anastasi e Mazzola
di Salvino Cavallaro, Sabato 03 Novembre 2012